Recensione: Dimentica il mio nome

Editore Bao Publishing
Autori Zerocalcare
Prima pubblicazione 2014
Prima edizione italiana 2014
Formato 17×24 – Copertina rigida
Numero pagine 240

Prezzo € 18,00

Ma davvero credi che è il nome che ti dà l’identità?
– Da “Dimentica il mio nome”

Quando venne annunciato che Dimentica il mio nome avrebbe raccontato la storia della famiglia di Zerocalcare, si intuì subito che ci saremmo trovati di fronte a qualcosa di diverso. Che si trattasse di un capolavoro, però, potevamo soltanto sperarlo.

UN LUNGO VIAGGIO

Dimentica il mio nome cover variant GipiSe le storie brevi hanno proiettato Zerocalcare sull’Olimpo degli autori italiani, facendo avvicinare alla lettura anche chi raramente vi dedica parte del proprio tempo libero, i graphic novel dell’autore romano hanno successivamente provveduto a mostrare a tutti la sua versatilità, proponendo letture sostanzialmente umoristiche ma sempre orientate a fare riflettere il lettore sul messaggio trasmesso.
Adesso, con Dimentica il Mio Nome, ci troviamo di fronte ad un romanzo che porta con sé gli stilemi tipici dell’autore, ribaltando tuttavia il pattern dei lavori precedenti. Infatti, nel lungo viaggio che a partire dalla morte della nonna materna del protagonista ci farà via via scoprire – insieme a lui – la storia della sua famiglia, le travolgenti battute e l’esilarante verve dell’autore faranno soltanto da corollario alla profonda e sfaccettata vicenda centrale.

EQUILIBRATAMENTE IN BILICO

Dimentica il mio nome è la prepotente irruzione nel lavoro di Michele Rech dell’esigenza di raccontare qualcosa di importante: dal libro trapela la necessità di tirare fuori dal cassetto quegli argomenti che pur rischiavano di coniugarsi male con lo stile narrativo e grafico di Zerocalcare, ma che allo stesso tempo l’autore sentiva il bisogno di raccontare. Ci troviamo di fronte al frutto maturo degli sforzi dell’autore romano di cimentarsi in un romanzo grafico: la tensione narrativa si mantiene a ottimi livelli per tutto il racconto, la storia fluisce in un continuo e piacevole ossimoro tra la profondità delle vicende e le irresistibili gag che ne spezzano la pesantezza facendoci distendere in un sorriso.
L’effetto del contrasto è struggente, funzionale a rappresentare la costante contrapposizione della nostra quotidianità, sospesa tra la gioia di vivere e i fardelli che ciascuno di noi deve portare sulle proprie spalle. Dimentica il mio nome parla di identità, di segreti e di rivelazioni; del bisogno di sicurezza che contraddistingue molti di noi; dell’importanza di sapere che nei momenti più difficili ci sarà qualcuno al tuo fianco a mostrarti il suo affetto. E non importa se lo manifesterà fingendo di prenderti a pugni, urlando o restando con gli occhi incollati al proprio smartphone.

UN’IDENTITÀ… UNICA

Zerocalcare in quest’opera racconta il difficile e indefinibile passaggio che ci porta a diventare adulti, la presa di coscienza del nostro lato più egoista e la capacità che risiede al nostro interno di metterlo a tacere, ergendoci a nostra volta a protettori delle persone che amiamo.
Un libro non immediato, che vi chiederà più di una volta di tornare indietro per coglierne le sfumature e che, nella sua continua contrapposizione tra leggerezza e gravità, trova un magico equilibrio che lo rende un unicum nel panorama del fumetto italiano.


Dimentica il mio nome
Dodici
Ogni maledetto lunedì su due
Un polpo alla gola
La profezia dell’armadillo



LA NOSTRA PAGELLA: 9/10



Nicholas Venè

Leggo, scrivo, gioco, guardo, commento. Osservo e prendo appunti, provando a fare cose.

Potrebbero interessarti anche...

22 Risposte

  1. 17 ottobre 2014

    […] d’obbligo) del Tour di presentazione di Dimentica Il Mio Nome (e se volete leggere la nostra recensione vi basta cliccare qui!), l’ultima fatica di Zerocalcare, nome d’arte di Michele Rech. E […]

  2. 29 ottobre 2014

    […] composto da una copertina interamente disegnata da Zerocalcare, il celebre disegnatore di Rebibbia (qui la nostra recensione della sua ultima fatica “Dimentica il mio Nome“) che sarà presente anche […]

  3. 8 novembre 2014

    […] la Mensa Occupata in via Mezzocannone 14 a Napoli per presentare la sua ultima fatica: “Dimentica il mio Nome” edito da Bao Publishing. Una bella occasione per tutti i suoi fan. Zerocalcare, infatti, […]

  4. 10 novembre 2014

    […] libreria Feltrinelli di Bologna in Piazza Ravegnana 1 per dedicare la sua ultima fatica: “Dimentica il mio Nome” edito da Bao Publishing. Alle ore 18.00 ci sarà la presentazione del volume. Alla fine il […]

  5. 11 novembre 2014

    […] Feltrinelli di Torino Porta Nuova (Stazione FS) per dedicare la sua ultima fatica: “Dimentica il mio Nome” edito da Bao Publishing. Alle ore 18.30 ci sarà la presentazione del volume. Alla fine il […]

  6. 16 novembre 2014

    […] Domani, lunedì 17 novembre, dalle 15.30 alle 20.30 Zerocalcare sarà a Firenze presso la Feltrinelli RED di Piazza della Repubblica per presentare la sua ultima fatica Dimentica il mio Nome. […]

  7. 1 dicembre 2014

    […] Dicembre, ore 18.00, Sala Diamante – Presentazione del libro Dimentica il mio nome di Zerocalcare, intervengono l’autore e Michele Foschini (ricordiamo inoltre che il 3 […]

  8. 2 dicembre 2014

    […] 4, dalle ore 15.00, Zerocalcare. Alle ore 18.00 in Sala Diamante, incontro con […]

  9. 3 dicembre 2014

    […] potrete incontrare anche lo stand BAO Publishing, dove domani, alle ore 15, sarà presente Zerocalcare. L’autore romano ha già iniziato la sua attività, però: da questa mattina, infatti, è in […]

  10. 9 dicembre 2014

    […] inesorabile e implacabile il meritato successo di Zerocalcare e della sua creatura Dimentica il mio nome: dopo aver venduto 75.000 copie, come annunciato durante l’incontro a Più libri più […]

  11. 27 dicembre 2014

    […] lo sanno anche i sassi: Dimentica il mio nome di Zerocalcare è stato proclamato libro dell’anno dagli esigenti ascoltatori del programma […]

  12. 20 gennaio 2015

    […] booktrailer di Dimentica il mio nome di ‪#‎Zerocalcare‬ ci dà l’occasione di annunciarvi che il libro è stato il fumetto […]

  13. 12 febbraio 2015

    […] letteralmente come una trottola. Il successo meritatissimo ottenuto dal suo ultimo capolavoro, Dimentica il mio nome, ha catalizzato prepotentemente l’attenzione di tutti i media. Poteva forse mancare […]

  14. 18 marzo 2015

    […] l’autore è infatti candidato al Premio Strega di quest’anno con il graphic novel “Dimentica il mio nome” edito da Bao Publishing. L’opera ha già venduto 80.000 copie a tre mesi dall’uscita […]

  15. 20 marzo 2015

    […] di pochi giorni la notizia che “Dimentica il mio nome” graphic novel di Zerocalcare, edito da Bao Publishing è candidato al Premio Strega. Leo […]

  16. 2 aprile 2015

    […] Dimentica il mio nome di Zerocalcare (BAO Publishing) Lo strano caso del Dr. Ratkyll e di Mr. Hyde  di Bruno Enna e Fabio Celoni (Panini/Disney Italia) Le ragazzine stanno perdendo il controllo. La società le teme. La fine è azzurra di Ratigher (PrimaOMai) Fun di Paolo Bacilieri (Coconino Press) Gli Amari Consigli di Nicolò Pellizzon (BAO Publishing) […]

  17. 17 aprile 2015

    […] Tra questi viene confermato come semi-finalista Michele Rech in arte Zerocalcare con il suo “Dimentica il mio nome“. La candidatura all’ambito premio aveva piacevolmente colpito il mondo della […]

  18. 6 maggio 2015

    […] è finalista al Premio Strega con la sua opera Dimentica il mio nome che ha ricevuto, fino ad oggi, 167 recensioni e 1259 votazioni perlopiù positive da parte dei […]

  19. 8 giugno 2015

    […] romano era in gara con il suo ultimo graphic novel “Dimentica il mio nome” edito da Bao Publishing. L’attesa del verdetto, dopo essere approdato nella lista dei […]

  20. 25 febbraio 2016

    […] mostrata un’immagine dell’intervista su Il Fatto Quotidiano, in cui l’autore di Dimentica il mio nome parla della figura delle librerie e della loro evoluzione durante questo periodo florido per il […]

  21. 13 maggio 2016

    […] Dimentica il mio nome Zerocalcare scopre cose sulla sua famiglia che non aveva mai neanche lontanamente sospettato. L’opera più intima, a metà tra fatti realmente accaduti e finzione. Quando l’ultimo pezzo della sua infanzia se ne va, Zerocalcare scopre cose sulla propria famiglia che non aveva mai neanche lontanamente sospettato. Acquista su Verticomics […]

  22. 12 gennaio 2017

    […] e al tempo stesso l’incredulità con cui sta vivendo il clamoroso successo nazionale di Dimentica il mio nome, la sua ultima fatica. Mentre Zero raccontava l’esperienza di Kobane il presentatore […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.