Recensione: Graphic novel is dead

Editore Rizzoli Lizard
Autori Davide Toffolo
Prima pubblicazione 2014
Prima edizione italiana 2014
Formato 17×24 cm
Numero pagine 144

Prezzo

“Ma è stato a Napoli, precisamente al Comicon del 2013, che ho portato a termine il mio piano. L’autore che diventa personaggio.”
(Davide Toffolo)

La graphic novel è morta?

A leggere cose come questa, vien da pensare di sì.

Pepito

Il “ragazzo morto” Davide Toffolo torna protagonista dei suoi fumetti, dopo la felice parentesi di “L’Inverno d’Italia”, nel quale sembrava arrivata una svolta professionale. Il risultato? Ai limiti della leggibilità. Una raccolta di storie di una pagina, i rovelli, le avventure e le invidie di una presunta rockstar di mezza età (impagabili le foto di Toffolo in tenuta da concerto in giro per il Comicon di Napoli!), che forse si rifiuta di crescere, o forse non riesce ad andare oltre il personaggio Toffolo.

L’idea è quella di roba messa insieme a caso, in cui torna qualche fantasma del passato (qua e là Pasolini, cui Toffolo dedicò un libro anni or sono), spuntano dati autobiografici, un uccellino che dice “Zerocalcare” (!), qualche foto impellicciata, una notevole dose di scopate, quasi a far notare che la rockstar (vera o presunta) con le donne non ha problemi…

Toffolo

Ma lo scopo di tutto questo?

L’ennesimo volume autobiografico, per di più senza linee guida? Un esercizio di stile, senza pensare che per esercitare lo stile occorrerebbe perlomeno averne uno? O una raccolta casuale di roba trovata in un cassetto perché le scadenze premono e di pronto non c’era nulla? Ecco, se la risposta giusta è la terza, magari vien da comprendere, da capire meglio l’operazione che c’è dietro a questo libro.
Se si vuol provocare, a parere di chi scrive, non basta un titolo ad effetto, una cover a 4 colori casuali (ecco, i colori dell’ottimo Alessandro Baronciani, sono ciò che resta da salvare di questo libro) e un po’ di femmine discinte che pregano l’Autore di soddisfarle. Ci vogliono delle idee. E se mancano quelle, la graphic novel muore, o perlomeno sta un po’ meno bene di prima…

Ogni volta che esce un libro come questo, un autore di graphic novel si rivolta nella tomba, o nel letto se è ancora vivo…



LA NOSTRA PAGELLA: 3/10



Ghino Di Tacco

Brigante italiano. Latitante da più di 700 anni. Ancora ricercato dalla Repubblica di Siena. Citato sia nel Decamerone di Boccaccio sia nel Purgatorio di Dante.

Potrebbero interessarti anche...

1 Risposta

  1. 25 febbraio 2015

    […] torna alla Mostra D’oltre Mare per un concerto unplugged al Teatro Mediterraneo. Toffolo (Graphic novel is dead) sarà inoltre presenterà una novità assoluta in collaborazione con Panini […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.