Recensione: Le storie #25 – Capodanno cubano

Editore Sergio Bonelli Editore
Autori Pasquale Ruju (Testi), Max Avogadro (Disegni), Aldo Di Gennaro (Copertina)
Prima pubblicazione Ottobre 2014
Prima edizione italiana Ottobre 2014
Formato 17 cm x 21,3 cm
Numero pagine 116

Prezzo 3.80 €

Tutto quello che ero e avevo, lo dovevo a lui. Mi aveva trattato come un figlio… Ma non sono proprio i figli, qualche volta, ad uccidere i padri?

CAPODANNO CUBANO

LjeOE=--Non sempre le scelte fatte sono dettate dalla volontà. Le circostanze, i mutamenti storici e politici, l’irresponsabilità dei deboli sono gli elementi che mutano l’assetto di Harry Rain, protagonista di Capodanno Cubano, albo di Ottobre 2014 della serie Le Storie.

Harry viene dal nulla. Come spesso capita nella tipologie di storie in cui sono implicate famiglie che si dividono territori in America (e non solo) il percorso del protagonista prevede una velocissima scalata al potere.

Cuba, 31 Dicembre 1958. È il setting iniziale della storia. Una commistione di malavita, amore e rivoluzione castrista muove le carte in tavola. Tony Giamatti, boss dell’organizzazione criminale è lungimirante. Lascia il sogno americano e con i suoi uomini si stabilisce a Cuba, dove la possibilità d’insediarsi è maggiore. Cuba, un paese relativamente libero…dalle leggi e dalla polizia, posto indisturbato per i loschi affari di Giamatti & Co.

L’AMORE AL TEMPO DELLA RIVOLUZIONE

df6pk=--Harry Rain ha un peso da portare con sé. Si è innamorato di Angela, figlia del Boss: la sposa, ritrovandosi catapultato al centro degli affari. Ed è bravo.

Eppure il pericolo dell’instabilità s’insedia dietro ogni personaggio della storia. Tony Giamatti è vecchio e pronto ad abbandonare il ruolo di Boss, Milo Giamatti, fratello di Tony non è un genio degli affari. E poi c’è lei, l’altra che complica la posizione di Harry.

Amare non è un imperativo per Harry, è consapevole che legarsi emotivamente a una donna è una debolezza per un uomo nella sua posizione. Combattere una rivoluzione interna a una famiglia di gangster non è semplice, soprattutto con la rivoluzione cubana alle porte. E una rivoluzione d’amore fa crollare l’ultima tessera di un mosaico di coincidenze e scelte del destino.

INTRECCI NOIR

UpkPfA5XLjh+bTfMBMMMnAUCrlJN0txFt706HAULPKc=--Pasquale Ruju, autore dei testi della storia naviga nel suo mare. Chi conosce il lavoro di uno degli sceneggiatori di punta di casa Bonelli, riconosce in Capodanno Cubano il suo stile, le sue scelte narrative.

Ruju, creatore di Demian e Cassidy, riesce a catturare il lettore catapultandolo nell’epoca in cui la storia è ambientata. Un grande pregio per un autore.

In Capodanno Cubano c’è un grande lavoro di struttura narrativa, al limite del cinematografico. Le prime tavole sono quasi un epilogo della vicenda stessa, fondamentali per costruire il personaggio di Harry Rain. Una narrazione lineare avrebbe appiattito la personalità del giovane gangster arrivista.

Non mancano alcuni clichè che sono propri del genere. La figlia del boss, l’amante e la vendetta di una sottotrama accennata ma mai esplosa all’interno delle pagine. Il punto di debolezza è l’esiguo numero di personaggi. Chi resta fuori dalla vicenda centrale, inevitabilmente sarà coinvolto nella risoluzione.

Ai disegni, Max Avogadro. Con i suoi giochi di luci e ombre riesce a stratificare le personalità dei personaggi. Harry è sempre avvolto da scene piene di neri, come per sottolineare il peso della sua figura. Ottima la rappresentazione di Cuba e degli ambienti in cui si muovono i personaggi.


FUMETTO LE STORIE “IL PRINCIPE DI PERSIA” N°23 AGOSTO 2014
LE STORIEN° 27, IL FATTORE Z
Il lungo inverno Comic Book Le Storie Bonelli 11
No Smoking Le Storie Comic Book
Amore Nero Comic Book Le storie Bonelli



LA NOSTRA PAGELLA: 6/10



Luigi Formola

27 Luglio 1986. Musicista, scrittore e comunicatore. All'età di otto anni mi divertivo a riscrivere i climax di molti film. A dodici anni scelgo Dylan Dog come costante della mia vita. A vent'anni, l'università, Scienze della Comunicazione, una tesi sulla correlazione degli stili di vita e le marche. A ventun'anni la mia prima ed unica band i Dreamway Tales. Nel 2013 studio sceneggiatura alla Scuola Internazionale di Comics di Roma. Attualmente collaboro con la NPE, come traduttore e autore, e sono al lavoro sul mio primo romanzo con l'agenzia letteraria TZLA.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.