Recensione: L’esistenza delle formiche

Editore Becco Giallo
Autori Silvia Rocchi
Prima pubblicazione 2013
Prima edizione italiana 2013
Formato brossura a colori
Numero pagine 128

Prezzo 18,00 euro

C’è una vecchia teoria che dice:
se diventi esperto di formiche, arrivi a capire il mondo.
È così.
Il Vietnam, l’Indocina e poi l’Asia in generale
sono stati il mio giardino.

terzani4Se siete frequentatori di Twitter non vi sarà sfuggito che il 28 luglio scorso tra le tendenze figurava #Terzani10, hashtag lanciato sul web per ricordare i dieci anni dalla scomparsa del giornalista, scrittore e viaggiatore Tiziano Terzani.

Becco Giallo, casa editrice con la passione di raccontare la realtà che ci circonda attraverso fumetti d’impegno civile, propone nel suo catalogo “L’esistenza delle formiche”, libro che arricchisce la collana “Biografie”, nella quali si possono trovare ad esempio le storie di Peppino Impastato, Paolo Borsellino e Anna Politkovskaja.

STORIA DELL’ACCUMULAZIONE

Primavera 2004, Orsigna (Pt). Sotto un albero siedono l’anziano Tiziano Terzani e suo figlio Folco. Un dialogo sereno che permette a Tiziano di raccontare come è diventato giornalista, viaggiatore e scrittore grazie alle situazioni di cui è stato testimone in Asia: la sua “accumulazione”, come la definisce Tiziano-narratore nella prima pagina di “L’esistenza delle formiche”.

terzani1

terzani3Una precisazioni prima di raccontarvi qualcosa di questo fumetto. Non si tratta di un fumetto classico: infatti non ci sono i baloon e le tecniche di disegno sono miste, scelte con abilità dall’autrice Silvia Rocchi per trasmettere al lettore il pathos che la vicenda narrata emana. Come scrive nell’introduzione Angela Terzani Staude, moglie di Tiziano, ci sono tanti modi per raccontare una storia e mentre Tiziano aveva scelto quello delle parole (teneva sempre con sé un taccuino su cui prendeva appunti che ricopiava prima con la macchina da scrivere e poi col computer), Silvia Rocchi sceglie quello dell’illustrazione. I due sistemi espressivi si integrano a vicenda perché c’è bisogno di arrivare a «un’arte che parli direttamente al cuore».

terzani5Vietnam, Cambogia, Cina, Giappone, Laos, Birmania, Thailandia, Malesia: Tiziano viaggia molto, accompagnato da Angela e Folco. È testimone di eventi che oggi si leggono sui libri di storia e che lui ha scelto di vivere e raccontare in prima persona, al prezzo di essere espulso dal Vietnam nel marzo 1975 o di essere catturato in Cambogia nell’aprile dello stesso anno.

terzani2Uno dei momenti più importanti del fumetto è l’incontro nel febbraio 1993 con Stefano Brunori, ex giornalista fiorentino diventato monaco tibetano. Un incontro forse non casuale, che permette a Tiziano di capire molto di sé e della direzione che deve prendere la sua esistenza.

Una narrazione per immagini e parole intensa ma equilibrata quella di Silvia Rocchi, che ne “L’esistenza delle formiche” ci lascia un ritratto intimo e personale di Tiziano Terzani.


L’esistenza delle formiche
Ci sono notti che non accadono mai. Canto a fumetti per Alda Merini
Il sequestro Moro
Enrico Mattei. Vita, disavventure e morte di un cavaliere solitario
Peppino Impastato, un giullare contro la mafia



LA NOSTRA PAGELLA: 8/10



Melissa Bortolotto

Veneziana "di terraferma", dopo gli studi a Padova si trasferisce a Milano per seguire le sue passioni: l'editoria, la cultura, l'informazione. A Milano avviene l'incontro con Martina, che la trascina nell'avventura di c4c come redattrice e corretrice.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.