Recensione: Lukas #08 – Troll

Editore Sergio Bonelli Editore
Autori Michele Medda (Testi), Werner Maresta e Michele Benevento (Copertina)
Prima pubblicazione Ottobre 2014
Prima edizione italiana Ottobre 2014
Formato 17 cm x 21,3 cm
Numero pagine 100

Prezzo 3,30 €

Buffo, no? Tutto quello che so della mia vita non è quello che ricordo, ma quello che tu ricordi che ti ho detto…
(Lukas #8)

TROLL

MMIW+GF3Jok68tE=--Dopo la breve vacanza lontano da Deathropolis dello scorso numero, Lukas torna ad immergersi nella città dei ridestati e dai mille pezzi del suo passato.

Ormai la caccia è un escalation di eventi, eppure Lukas è relativamente sicuro. Ha trovato un’alleata che conosce chi fosse prima della nuova rinascita. Zara, ridestata al servizio di Wilda Belsen è un personaggio che si fa amare! Si, l’amore tra “zombie” può essere decisamente romantico senza scendere nei meandri adolescenziali di Warm Bodies.

L’innesto di Zara nella serie è stato graduale e ben dosato, permettendo di comprendere al meglio la sua natura. Sia chiaro, non è una donna da invitare a cena, potresti essere tu la portata principale. Eppure la sua dedizione per Lukas ha un’intensità che fa eclissare tutte le storylines della serie.

UN TUFFO NEL PASSATO

Toj454iXtKQ2h9RBysrs=--Complice l’autunno che è piombato all’improvviso, è aumentata l’empatia nei confronti del gelido Lukas. Avere l’albo tra le mani gelate mentre scorrono le pagine del racconto di Zara equivale quasi a viverlo in prima persona.

Il dolore, l’oblio, l’impossibilità di ricordare, rendono Lukas un personaggio per cui è impossibile non fare il tifo. Per un semplice motivo, comunque andranno le cose non potrà mediare con il suo passato. Avrà la possibilità di un futuro circondato da persone che condividono la sua stessa natura o che accettano ciò che è.

Il suo senso di umanità lo rende vulnerabile e allo stesso tempo stracolmo di perplessità e dubbi. Il paradosso sopraggiunge quando si guarda alle informazioni giunte nel numero 6, in cui intravediamo la vera personalità di Jordan Black, un uomo non propriamente puro.

Lukas è il bene che viene fuori da un mondo dominato dal male.

LEGGENDA POSTMODERNA

UpkPfA5XLjgKpw4B4Ln7KlaJQ4JfAjgrcBZJBnfaKXE=--Come ogni albo di Lukas, oltre alla fil rouge che accompagna tutta la prima stagione, ci sono i cosiddetti casi di puntata. Questo mese tocca ai Troll. Presentati in duplice aspetto: nella versione mitologia e in quella attuale. Troll come mostriciattoli e come utenti molesti del web.

Ottimi gli intrecci investigativi della polizia. Ancora sulle tracce dell’assassino di Nicolic (vedi primi numeri), l’ispettore Fintz arriva al collegamento con Bianca, complicando la situazione della donna.

Uno dei migliori numeri della serie, in cui il lavoro di sceneggiatura di Michele Medda rende scorrevole e allo stesso tempo avvincente la lettura. Werner Maresta ai disegni è perfettamente in linea con i precedenti disegnatori. Questo è un grandissimo punti di forza della serie: nonostante diversi autori si alternino per la parte grafica il risultato è sempre coerente. Un lettore distratto quasi non noterebbe il cambio.

Si apre l’ultima parte della prima stagione e la rottura con lo status quo dei primi numeri offre, finalmente, spunti interessanti.


FUMETTO LUKAS #7 “LUPI” SETTEMBRE 2014
L’inizio. Orfani: 1
Bugie. Orfani: 2
Verità. Orfani: 3
Dylan Dog. Cronache dal pianeta dei morti



LA NOSTRA PAGELLA: 6.5/10



Luigi Formola

27 Luglio 1986. Musicista, scrittore e comunicatore. All'età di otto anni mi divertivo a riscrivere i climax di molti film. A dodici anni scelgo Dylan Dog come costante della mia vita. A vent'anni, l'università, Scienze della Comunicazione, una tesi sulla correlazione degli stili di vita e le marche. A ventun'anni la mia prima ed unica band i Dreamway Tales. Nel 2013 studio sceneggiatura alla Scuola Internazionale di Comics di Roma. Attualmente collaboro con la NPE, come traduttore e autore, e sono al lavoro sul mio primo romanzo con l'agenzia letteraria TZLA.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.