Recensione: Non sono un angelo

Editore Panini Comics – Planet Manga
Autori Ai Yazawa
Prima pubblicazione 1991
Prima edizione italiana 2006
Formato 11×17, brossurato
Numero pagine 208 p.

Prezzo 4 euro

Questo ho imparato dai miei senpai.
Credere in se stessi, amare gli altri, sognare il domani.
                                                                                    (estratto dal vol.8)

largeanimepaperscanstensl4TRAMA

Quella di Non sono un Angelo, in originale Tenshi Nanka Ja Nai, è la tipica storia da shōjo manga, ossia quegli albi destinati più tipicamente alle ragazze in fase adolescenziale e che trattano prevalentemente di tematiche legate ai sentimenti, sciorinati in ogni combinazione possibile e con elementi di melodramma a fare da cardine all’intera storia.
In questo caso tratto di una ragazza sempliciotta e alla mano, Midori Saejima, che viene eletta nel comitato studentesco della scuola e che riesce nonostante la figuraccia iniziale ad acquisire sempre maggior popolarità, facendosi benvolere da tutti. tenshi_tav5Il protagonista maschile della storia, Akira Sudo, è il bello e dannato che si dimostra però tenero e di buon cuore, e che in seguito alle innumerevoli peripezie, alla fine, cede alle lusinghe dell’imbranata protagonista; e non lo considero spoiler se l’idillio amoroso finale era palpabile ancor prima di aprire il fumetto. La categoria degli shōjo non è vincolata all’effetto sorpresa, si è già consapevoli di come andrà a finire l’opera, l’amore vincerà su ogni ostacolo, il bello sta nello scoprire come accadrà, seguendo da vicino le avventure a cui sono sottoposti i personaggi e approfondendo le loro sensazioni.
Questo titolo, oltretutto, si discosta in parte dallo stereotipo classico del genere a cui appartiene, e con una buona dose di umorismo e molta dolcezza ironizza diventando quasi parodia di se stesso, e di tutto un genere.

L’AUTRICE, L’EDIZIONE ITALIANA E GLI ALTRI MANGA

TenshiNankajaNai1Ai Yazawa scrive e illustra questo manga nel 1991: si tratta di uno dei suoi primi lavori, nonostante l’edizione italiana sia tardiva rispetto agli altri titoli, e addirittura posteriore all’OAV del 1994, che rappresenta il primo dei volumetti. La curiosità di questa mangaka è la sua capacità di collegare ogni sua opera, modificando luoghi, tempi e storie, eppure riuscendo a inserire dettagli o personaggi che fanno venir voglia al lettore di acquistarle tutte, così da poter avere una visione d’insieme dell’universo da lei creato.
I disegni sono estremamente piacevoli, ben tratteggiati e con una cura per i dettagli ammirevole; menzione per l’attenzione per gli abiti, sempre impeccabili e capaci di scatenare la fantasia e la creatività di qualsiasi fashion victim. Anche i disegni, soprattutto quelli dei manga più giovanili come Non sono un Angelo, sembrano una parodia dello stile giapponese come genere, esasperando la grandezza degli occhi, delle labbra, le fisicità e la gestualità atipica per un occidentale.a2234

In Italia Yazawa è diventata famosa grazie a Cortili del Cuore, Gokinjo monogatari del 1995, seguito da Ultimi raggi di Luna, Kagen no Tsuki del 1998, Paradise Kiss, Paradaisu Kisu del 1999, ed infine Nana, pubblicato nel 2000 e ancora inconcluso a causa di problemi di salute dell’autrice che sembrerebbe aver abbandonato il progetto – a un punto crucialissimo ndr –.
Tutti questi titoli sono legati in qualche modo, e ricreano una storia di cui si riesce a intravedere la cronologia, che stuzzica il collezionista, che non può certamente ignorarla.

L’edizione di Planet Manga, per Panini Comics, ricalca la pubblicazione giapponese in 8 volumi, tankobon, mantenendo un prezzo abbordabile e scelte grafiche ineccepibili, tra cui la fedeltà del senso di lettura alla giapponese.

Insomma si tratta di una lettura leggera e piacevole, capace di intenerire e di far passare un piacevolissimo lasso di tempo.


NON SONO UN ANGELO 1
NON SONO UN ANGELO 2
NON SONO UN ANGELO N. 7
Non sono un angelo serie completa – 1 al 8-



LA NOSTRA PAGELLA: 6.5/10



Martina Moretti

Nata a Carrara, una città a metà tra i monti e il mare, coltiva la passione della lettura, fumetti e non, da quando era ancora un virgulto di ragazza. A fine novembre 2013 si infervora per l’idea dell’amico Nicholas Venè e si lascia trascinare dentro lo staff di C4Comic. In fondo, però, l'unica cosa importante da dire è: Cyclops was right! (cit.)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.