Recensione: Omnibus – Gli incredibili X-Men vol. #3

Editore Panini
Autori Chris Claremont, Terry Austin, Sally Pashkow, Ann Nocenti, Jim Lee, Marc Silvestri, Kent Williams, Rob Liefeld
Prima pubblicazione //
Prima edizione italiana 2012
Formato 18×28
Numero pagine 720

Prezzo non precisato

Mi spiace Forge…
… Sean non può parlare per sé, ora.
Dall’ultima volta che ci hai visti…
c’è stato qualche cambiamento.
(da Mostri spaventosi, The uncanny X-Men 262, giugno 1990)

BREVE PRESENTAZIONE DEL VOLUME.

Copertina del volume Omnibus 3.

Copertina del volume Omnibus 3.

Seppur, per piacere cronologico, possiamo considerare questo come il terzo Omnibus che ripresenta vecchie storie della testata madrina Gli Incredibili X-Men (Uncanny X-Men), è altrettanto vero che un evidente VOL.1 è impresso sul dorso della sovraccoperta. Ci sono varie motivazioni che giustificano una diversa numerazione rispetto ai precedenti, in primis un cambiamento sostanziale: quello dei disegnatori. Ad accompagnare Claremont, in un ciclo di storie da sempre apprezzato dal grande pubblico, troviamo prima Marc Silvestri, e poi Jim Lee. Questo numero 1, inoltre, dovrebbe far presagire l’uscita di un secondo volume contenente le rimanenti storie di Lee.
Altro cambiamento, che potrebbe giustificare la diversa numerazione degli Omnibus e che rischia di scombussolare il lettore è la consequenzialità delle storie. Se i primi due volumi erano in continuazione, dal #94 al #158, senza saltare un episodio, anzi integrando con numeri speciali capaci di dare omogeneità alla storia, in questo caso il lettore rimarrà a bocca asciutta. Tra il secondo e questo, consideriamolo, terzo volume intercorre un gap di quasi 100 numeri, dal #159 al #243.

Fino ad ora abbiamo sempre seguito la numerazione americana, ma che ne è dell’edizione italiana? Ecco una piccola parentesi con le coordinate per trovare gli episodi, soprattutto quelli mancanti, nelle pubblicazioni del nostro paese:

XM1_244

Copertina #244, Solo per signore del maggio 1989.

Gli episodi dal #159 al #163 sono contenuti come speciale all’interno della testata dell’Uomo Ragno – per la precisone, quella edita da Star Comics nel lontano 1987 e che è ancora oggi in corso, seppur sotto il logo di Marvel Italia, e con un nuovo titolo Spider-Man. I numeri interessati sono i #45, #47, #48, #49, #50.
Ed è nel luglio del 1990 che la Star Comics decide essere finalmente giunto il momento di rendere indipendente una testata come quella degli X-Men: il #1 italiano parte dalla storia #164 americana, e questo Omnibus racchiude le storie contenute dal #39Bis dell’ottobre 1993 al #45 dell’aprile 1994.

DI COSA TRATTA QUESTO CORPULENTO VOLUME?

Abbiamo ancora le storie di Claremont, che dovrebbero già costituire una garanzia, accompagnato da artisti del talento di Marc Silvestri, e i mirabolanti numeri di esordio di Jim Lee. Gli episodi contenuti in questo Omnibus imporranno drastici cambiamenti allo status quo della squadra: il debutto della scoppiettante Jubilee guastato dalle tragedie che colpiscono gli X-Men senza sosta, come la perdita di Rogue, l’apparente morte di Tempesta ed il ritorno dei Reavers.

XM1_260

Copertina #260, Star 90 dell’aprile 1990.

Il mistico Seggio Periglioso scioglierà la squadra, concedendo ad ogni membro una nuova vita, rimarranno solo Wolverine e proprio Jubilee a rimediare alla situazione. Intanto a causa di un devastante attacco all’Isola di Muir, Forge e Banshee, X-Men di “vecchia data”, si mettono alla ricerca dei loro compagni di squadra scomparsi, trovandosi invece a doversi scontrare con Masque, i Morlock e trovandosi davanti ad una vecchia conoscenza dalla chioma rossa.
Altrove, Psylocke riappare, sottoposta a lavaggio del cervello e trasformata in un’assassina ninja. Colosso privo di poteri e di memoria affronta i Magistrati di Genosha, mentre Dazzler cade vittima di uno stalker. Mentre gli X-Men iniziano a riunirsi, il Re delle Ombre fa la sua mossa per catturare una Tempesta stranamente ringiovanita, in uno scontro ricco di azione che culminerà con il debutto del ladro noto come Gambit.
In questo volume si potranno leggere anche storie sul passato nascosto di Wolverine, e sarà svelato il suo incontro con Capitan America e la Vedova Nera. Infine, Rogue ricompare nella Terra Selvaggia, soltanto per ritrovarsi faccia a faccia con il più vecchio avversario della squadra.

In pratica un volume denso di avvenimenti, meno di contenuti speciali: se infatti rimane presente lo sketchbook del disegnatore, in questo caso Jim Lee, e una galleria di copertine più o meno sfiziose, manca l’apparato degli inserti speciali contenenti le introduzioni e le interviste agli autori.

PARLIAMO TECNICAMENTE.

XM1_268

Copertina #268, Cavalieri di Madripoor di settembre 1990.

Valgono i giudizi dati nelle precedenti recensioni per il primo volume – che potete trovare qui – e per il secondo – che trovate qui –. Anche questo terzo Omnibus è certamente ben fatto, la qualità delle storie è indubbia, come è palese la scomodità che le dimensioni del volume presentano. Nota dolente è la mancanza di continuità, perché seppur sia presente un breve riassunto che racconta quel gap di 100 numeri, o almeno gli avvenimenti fondamentali, i compratori di Omnibus sono spesso coloro che non hanno avuto modo di leggere quelle storie, se non tramite riassunti. Se è vero che la nuova numerazione è un modo per mettere in guardia il compratore della non consequenzialità con i primi due volumi, rimane comunque un vero peccato.

Ecco l’elenco di storie contenute in questo terzo volume da collezione.

* Uncanny X-Men 244/269, dal maggio 1989 all’ottobre 1990 – Solo per signore; Uomini!; Il giorno dell’altra luce!; Una luce si spegne; La culla è caduta!; La maledizione Dane; Stella in frantumi; Delirio; Dov’è Wolverine?!; Avviso di tempesta!; Rinascita di una leggenda!; Vittoria amara; Psylocke dentro e fuori; Io sono Lady Mandarin; Catene Spezzate; Solo un piccolo sogno; Star 90; La caccia degli Harrier; Mostri spaventosi; Nei tunnel più profondi; Fuga disperata; Tempesta; Gambit; Tata; Cavalieri di Madripoor; Rogue risorta;

* X-Men Annual 13, del 1989Doppio tradimento; Giubileo!;

* Classic X-Men 39, del novembre 1989La vendetta di Brigg;

* What The –?! 5, del luglio 1989Scommetti la tua dignità; Accoppiamenti sbagliati.


Gli incredibili X-Men. Marvel Omnibus: 1
Gli incredibili X-Men. Marvel Omnibus: 2
X-Men Contro La Sentinella – Lego
X-Men – iPhone Case
X-Men – Storm Action Figure



LA NOSTRA PAGELLA: 8/10



Martina Moretti

Nata a Carrara, una città a metà tra i monti e il mare, coltiva la passione della lettura, fumetti e non, da quando era ancora un virgulto di ragazza. A fine novembre 2013 si infervora per l’idea dell’amico Nicholas Venè e si lascia trascinare dentro lo staff di C4Comic. In fondo, però, l'unica cosa importante da dire è: Cyclops was right! (cit.)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.