Recensione: Unastoria

Editore Coconino Press – Fandango –
Autori Gipi
Prima pubblicazione 2013
Prima edizione italiana //
Formato 21,5×29
Numero pagine 128

Prezzo 18 euro

Sotto i cieli di una natura magnifica e crudele, ieri come oggi,
Gipi racconta la fragilità e la bellezza, le lacrime e le speranze degli uomini.
La storia di un’eterna caduta nell’abisso e di come,
nonostante tutto, ogni volta ci si possa rialzare.
(estratto dalla quarta di copertina)

LA STORIAunastoria2

Che il tempo scorra impietoso è quasi una frase fatta, un cliché che si è acuito con la modernizzazione e con una società che ricerca la giovinezza eterna. Il punto di partenza di unastoria è proprio questo, il tempo che passa e che come di colpo fa trovare il protagonista, Silvano Landi, a 50 anni, vivendo una vita che non sembra appartenergli, una vita che inizialmente non è chiara al lettore e che verrà spiegata soltanto nel susseguirsi delle pagine.

Se il diciottenne si svegliasse di colpo una notte.
Si alzasse. Ed allo specchio si vedesse per magia, per maledizione,
con la faccia, con la pelle dei suoi futuri cinquant’anni, morirebbe vomiterebbe.
Ma invece, ma invece, scivolando secondo dopo secondo, per anni e poi decenni,
sempre distratto da altro, un giorno, non più diciottenne ello si alzerà.
andrà allo specchio nel bagno e si vedrà trovandosi mica male per quel momento,
di colpo, una notte.

gipi-una-storia-3

Quella di unastoria, però, è una trama duplice, che segue le vite di due personaggi, in due tempi e ambienti diversi eppure strettamente collegati, non soltanto perché Mauro, che combatte nella prima Guerra Mondiale, è l’avo del protagonista, ma perché insieme formano le due facce di una stessa medaglia: la lotta per la sopravvivenza, la capacità di combattere per essa a dispetto delle avversità, si contrappone alla totale rinuncia nonostante le difficoltà esistano soltanto a livello mentale.

IL CONTORNO

2013-12-26-GipiNonostante le strisce sulle varie riviste e quotidiani, nonostante di lavori a suo nome abbiamo continuato a vederne, erano anni che Gipi non pubblicava. E quest’uscita è stata col botto. Abbandonato lo stile ironico che gli aveva permesso di trattare temi pesanti lasciando comunque un alone di leggerezza nel lettore, questa è una storia di “roba grave” che non si nasconde dalla sua natura. Nonostante le cento e passa pagine è un volume che si legge tutto insieme, nel giro di una mezzora, che lascia con un certo magone, e che fa tornare la voglia di cominciarlo da capo, di rileggerlo secondo un’altra prospettiva, di cogliere altri dettagli, più dettagli. Si tratta di un’opera dai molti livelli di lettura, nonostante la trama sia poco più che un abbozzo, e i dialoghi una manciata di parole. Le tavole, il disegno, la fanno da padrone, riuscendo ad enfatizzare l’atmosfera evocativa della storia.

gipi-5-640Si tratta di un pezzo indispensabile per qualsiasi lettore, una perla rara che vale tutto il suo prezzo – 18 euro. Coconino Press ha fatto un lavoro eccellente con l’edizione, a partire dalla scelta della carta che dà l’impressione di avere in mano un oggetto prezioso. E di una graphic novel preziosa si tratta essendo stata candidata, unico fumetto italiano ad aver avuto tale onore, al Premio Strega normalmente riservato alle sole opere letterarie.

C’è poco altro da dire: compratelo!


Unastoria
S.
Esterno notte
Baci dalla provincia: Gli innocenti-Hanno ritrovato la macchina
Appunti per una storia di guerra-Questa è la stanza-Diario di fiume e altre storie: 2



LA NOSTRA PAGELLA: 8.5/10



Martina Moretti

Nata a Carrara, una città a metà tra i monti e il mare, coltiva la passione della lettura, fumetti e non, da quando era ancora un virgulto di ragazza. A fine novembre 2013 si infervora per l’idea dell’amico Nicholas Venè e si lascia trascinare dentro lo staff di C4Comic. In fondo, però, l'unica cosa importante da dire è: Cyclops was right! (cit.)

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. 16 giugno 2014

    […] tavole allo Spazio WOW (qui), eppure non mi stanco di sentirgli raccontare la genesi di unastoria (recensione) e le paure che hanno accompagnato quella […]

  2. 28 maggio 2015

    […] autori di graphic novel italiani, è tornato alla ribalta con il suo ultimo titolo unastoria (qui la nostra recensione), che ha meritato la candidatura al Premio Strega. Illustratore per il quotidiano “La […]

  3. 26 agosto 2015

    […] sarà impreziosito dalle illustrazioni di Gianni Gipi Pacinotti, l’autore del graphic novel Unastoria, candidato al Premio […]

  4. 28 settembre 2015

    […] Superato l’ingresso, e resistito (poco, in verità) alle lusinghiere attrattive dell’area-bookshop (dove, ahimé, il catalogo di Gipi era esaurito, con ristampa in arrivo a breve ma non brevissimo), e pagato il biglietto, basta girarsi per iniziare a spalancare gli occhi e, spesso, srotolare la lingua. La prima parte della mostra, infatti, è proprio lì, in una “stanza nella stanza” allestita per ospitare la parte più famosa del lavoro di Gipi, dalle prime pagine pubblicate su rivista negli anni Novanta, fino agli originali dell’ultimo “Unastoria”. […]

  5. 29 settembre 2016

    […] grande ritorno di Gipi dopo unastoria. Un padre e due figli. Una madre che non c’è più e un diario che i ragazzi non possono leggere. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.