Recensione: Weird Science Fantasy

Editore 001 Edizioni
Autori Vari
Prima pubblicazione Marzo 1954 – edizioni EC Comics (collana)
Prima edizione italiana Settembre 2014
Formato 17 x 24 Brossurato colori – interno b/n
Numero pagine 208

Prezzo € 14.00

L’orribile e gelida paura scemò. Probabilmente voi umani non ma capire il terrore che noi marziani abbiamo per i serpenti
( L’insegnante Marziano – Prof. Mun Zeerohs a se stesso)

THIS IS GENESIS

WEIRD SCIENCE FANTASY - JOE ORLANDO - 1Tutto ha un inizio. Nella vecchia America, Superman è apparso nel 1933, mentre i manga hanno visto la loro prima apparizione già intorno alla fine del 1700. Ma se volessimo datare in qualche modo la fantascienza come movimento , il discorso sarebbe più complesso. La raccolta Weird Science – Fantasy, pubblicata da 001 Edizioni, della quale avevamo già dato notizia qui, è senza dubbio uno fra i primi esempi di fantascienza moderna, e forse proprio il primo. Genesi dicevamo. Tra le pagine di WSF troviamo per la prima volta l’acronimo UFO (Unidentified Flying Object) che smette i panni del gergo areonautico-militare per andare a far parte della lingua comune, e vedono svilupparsi concetti come quello di robot senzientecyborg, voli pindarici della fantasia molto antecedenti ai Robot di Asimov ed alle sue tre leggi della robotica*. Ma andiamo con ordine.

Per un momento Oxton fece fatica ad accettare che il suo sogno stesse per diventare realtà..una fantasia lontana che era improvvisamente  diventata realtà. Il punto luminoso sullo schermo radar, indicava la fine di un’era, la fine di un modo di vita
(Adattabilità – Oxton a se stesso)

DI CHE SI TRATTA

WSF - COVER ORIGINALE 1954Weird Science Fantasy è un volume unico che raccoglie in edizione integrale, le sette uscite originali della rivista omonima pubblicate fra il marzo del 1954 ed il maggio/giugno 1955. La testata era nata dalla fusione di due riviste distinte, Weird Science e Weird Fantasy, entrambe dedicate alla sci-fi ed entrambe terminate alla uscita numero #22 a causa delle scarse vendite.  EC Comics decise di fondere le due riviste in una, e finì per portare alla luce probabilmente i migliori fumetti sci-fi di sempre, molti dei quali tratti da racconti di un maestro del calibro di  Ray Bradbury (Se il nome non vi dice niente, probabilmente siete troppo giovani, ma a tutto c’è rimedio: cercate Farenehit 451 e avrete un’idea del personaggio – ndr). Trattandosi di una raccolta di racconti è impossibile dare una chiave di lettura univoca, anche se le mani felici di sceneggiatori come Al Feldstein e  Otto Binder, permeano tutta l’opera. Viaggio interstellare, integrazione di razze aliene e xenofobia interplanetaria, ma anche il viaggio nel tempo, approcciato in modo del tutto scientifico una volta tanto, e molto altro ancora. Le tavole sono affidate a maestri del fumetto statunitense come Jack Kamen, Joe Orlando e Wallace Wood, e rispecchiano in toto il manuale del perfetto disegnatore di fumetti, edizione 1950, fatto quindi di chine e matite, tavole piene di testi e personaggi sempre vagamente stereotipati, fotografia piuttosto fedele ed inevitabile dell’America di quegli anni.  Un oggetto comunque affascinante oltre ogni aspettativa.

Fu allora che provai per la prima volta quella sensazione…quell’indescrivibile sentimento dal profondo del mio corpo. L’aveva afferrato brutalmente  staccandolo dalla sua pianta…distruggendolo prima del tempo. Io gli ringhiai contro…
(Il raccolto – Robot Contadino a se stesso)

WEIRD_SCIENCE-FANTASY

NON SOLO PER POCHI…

Weird Science – Fantasy è una opera particolare per molti versi. La serie, o meglio le idee innovative di cui la serie era il veicolo, hanno fornito l’ispirazione per innumerevoli fra film e racconti da fantascienza, girati e scritti negli ultimi 50 anni. Chi leggerà il volume non mancherà infatti di collegare le pagine a pellicole di culto come Il Pianeta Proibito,  District 9 o Il Mondo dei Robot, solo per fare qualche esempio. Ovviamente anche la letteratura ha pescato a piene mani da queste pubblicazioni. Il racconto Robbie e lo stesso celeberrimo Io Robot del maestro Asimov , risentono decisamente dell’influenza delle avventure dell’androide Adam Link (il robot protagonista di una serie di racconti fra cui un Io  Robot, molto precedente al racconto di Asimov – ndr), di Otto Binder, e sono ad oggi pietre miliari della fantascienza moderna. Graficamente, se andrete oltre lo stile datato, troverete un lavoro certosino di illustrazione, con personaggi, sfondi ed un uso della luce che non hanno nulla da invidiare alle moderne pubblicazioni d’oltreoceano. Più discutibili le pagine relative alle cronache degli avvistamenti ufo che in quegli anni catturavano l’immaginario collettivo , ma trattandosi di una ristampa integrale di una pubblicazione risalente agli anni ’50, la presenza di materiale del genere era più o meno inevitabile.  In ogni caso il  volume non è dedicato esclusivamente ad un pubblico di appassionati: la lettura è sempre scorrevole e gli molti degli argomenti trattati, ancora estremamente attuali, quindi anche il lettore casuale potrà trovarsi piacevolmente perduto fra astronavi e pianeti lontani, impegnato in una battuta di caccia al dinosauro o intrappolato nelle viscere di un pianeta misterioso.

WEIRD_SCIENCE-FANTASY (DEF).indd

Weird Science – Fantasy , 001 Edizioni per la collana Biblioteca EC Comics si compone di 208 belle pagine in bianco e nero raccolte in un elegante volume brossurato 17×24, ed è la chiave per conoscere le radici della fantascienza, dal  Viaggio nella Luna di Méliès ai Guardiani della Galassia.

IO ROBOT

* una nota doverosa per gli appassionati presenti e futuri:

Le tre Leggi della Robotica

Prima Legge : un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno.
Seconda Legge : un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge.
Terza Legge : un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge.

I. Asimov

Dopo Isaac Asimov, dopo la codifica di queste tre leggi, la fantascienza è cambiata per sempre. Anche se il titolo originale che l’autore aveva scelto per la sua raccolta di racconti conosciuta come Io Robot era diverso, e perciò non esiste un collegamento diretto tra il libro ed il racconto originale di Binder,  molti degli spunti del maestro americano sono probabilmente nati o si sono sviluppati quando, diciannovenne, leggeva i racconti di WSF.  E adesso 001 Edizioni porta in Italia in forma integrale tutte le storie in un unico volume.  Merita un posto nel vostro scaffale dei fumetti.


Weird science-fantasy. Il treno del terrore
Ladri di imperi: 1
Missione eterna
Barbara. Terzo ciclo: 3
Teenage mutant ninja turtles: 2



LA NOSTRA PAGELLA: 7.5/10



Andrea Cattani

Figlio degli anni '80 (insomma...metà anni 70...), attendo l'arrivo di Daltaniuos per finalmente fuggire da questo pianeta, a mio parere, dominato da mostri. Ecco

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.