Recensione: Teo e Miss Thanatos

Editore Tempesta Editore
Autori Chichi (Chiara Cazzato) e Romeo (Romeo Vernazza)
Prima pubblicazione 20 maggio 2015
Prima edizione italiana 20 maggio 2015
Formato 17,5 x 17,5 cm
Numero pagine 50

Prezzo 20,00 euro

La presenza sconosciuta si avvicinò e sussurrò: «Ciao, sono Miss Thanatos, ma tutti mi chiamano Morte. Ci facciamo un giretto?»

Theo e Miss Thanatos è un simpatico piccolo libro che parla della morte ai bambini. Il protagonista, Teo, è un cagnolino che una mattina cade in una buca e si ritrova faccia a faccia con Miss T., nientepopodimeno che la Morte stessa in persona. Ma sarà poi davvero spaventosa come dicono?
La storia, che prende forma nei testi di Chiara Cazzato (Chichi), è accompagnata dalle illustrazioni di Romeo Vernazza (romeo), che usa tecniche illustrative miste, ma tra cui spicca soprattutto il collage, donando un tocco particolarmente surreale e onirico alla narrazione. Praticamente ogni tavola nasconde un rimando alla cultura cinematografica (cito solo Psycho, King Kong e The Shining), ma anche alla storia dell’arte (Munch) e a eventi che hanno segnato la storia umana nell’ultimo secolo.

LA MORTE SPIEGATA AI BAMBINI

Ma è giusto parlare di un aspetto così delicato della vita ai più piccoli?
Questo volumetto, facente parte di una collana che spiega le paure dei bambini, si installa su un filone che sta prendendo sempre più piede nel mondo, e in Italia, deputato a insegnare in modo semplice, ma chiaro, concetti che i genitori potrebbero trovare difficili da discutere con i figli. La stessa Chiara Cazzato in un articolo rilevava che agli stand molte madri allontanavano la prole liquidando il libro come “non adatto”.
Non posso evitare, a questo proposito, di riferirmi al libro Perché si muore: breve storia della fine di Eirik Newth, edito da Salani in Italia, dove si discute del medesimo argomento cercando leggerezza, ma anche completezza e, soprattutto, correttezza nei confronti di una categoria di persone che spesso viene vista come incapace di comprendere fenomeni naturali.
Chiara Cazzato ha dichiarato con forza che la sua casa editrice, Tempesta Edizioni, si impegna a parlare di storie invisibili, situazioni date per scontate nella vita di tutti i giorni, ma che, da un momento all’altro, possono precipitare nelle nostre esistenze come macigni, accompagnate dalla domanda che ha agghiacciato tutti i genitori almeno una volta nella vita: “Dov’è andata la nonna?”.

IL VALORE DEL DIVERSO

Teo e Miss Thanatos, al contrario di molti altri volumi che tentano di proporre una risposta per questa domanda, vuole limitarsi a dire che la vita è bellissima, ma la morte ne è la sua naturale conclusione e non bisogna averne paura.
Ma, in definitiva, perché varrebbe la pena di mettere questo volume nella libreria di famiglia?
Senz’altro per l’evidente impegno profuso dai due autori non solo nel parlare della morte, ma anche nell’insegnare ad accettare il diverso, non necessariamente nostro nemico, una volta imparato a conoscerlo.
Una menzione speciale meritano le varie vesti in cui si presenta Miss Thanatos, soprattutto i riferimenti al Dia de los muertos, la rappresentazione più simpatica, colorata e accattivante che una cultura abbia mai prodotto della Nera Signora.

C4 MATITE:

Vanessa Zavanella

Recensore in prova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.