Libri

Come pubblicare un libro

Scrivere un libro non è certo una cosa facile e anzi, per una stesura lineare e coerente con la trama c’è bisogno di impegno e dedizione; tuttavia, il lavoro non risiede solo nella realizzazione narrativa e una volta che è stato completato, si passa alla fase successiva e altrettanto importante, ovvero del come si pubblica un libro!

La pubblicazione del libro è una fase delicata e da non prendere alla leggera, perchè ne deriva il successo del libro stesso. Indicativamente, ci sono due strade tra cui scegliere: l’autopubblicazione o affidarsi a una casa editrice.

L’autopubblicazione

Per coloro che non hanno grandi aspettative ma vogliono avere la semplice soddisfazione di pubblicare il proprio libro, l’autopubblicazione potrebbe essere la scelta più indicata. Il self publishing non prevede la collaborazione con editori, ma è l’autore a essere il responsabile sia dal punto di vista economico che burocratico. Avrà bisogno sicuramente di una piattaforma digitale dove rendere noto il proprio lavoro; in molte di queste, l’iscrizione è gratuita e i costi che si dovranno affrontare riguardano solo la stampa del libro ed eventualmente la promozione.
In alternativa, si può optare per il formato e-book, scelta che ovviamente riduce ulteriormente i costi dell’investimento generale.

L’autopubblicazione permette di avere il pieno controllo di tutta l’operazione: dalla creazione all’editing del libro, fino alla scelta del costo dello stesso; sicuramente, uno degli aspetti da prendere in considerazione è quella di non aspettarsi subito grande popolarità. Dunque, puntate sulla qualità e senza nutrire aspettative, oltre quella di condividere con gli altri una passione genuina.

L’editore

Il discorso cambia invece quando si opta di affidarci a una casa editrice. E’ un lavoro più lungo e difficile (in base anche all’editore che abbiamo davanti) che richiede diversi passaggi e… Aspettatevi anche qualche “no”. Tra le principali operazioni da fare vi è quello di far esaminare il proprio lavoro a diversi studi, così da avere più possibilità di trovare qualcuno interessato al vostro manoscritto e dimezzando i tempi. In caso di esito positivo da parte di una casa editrice, dovrete dar loro motivo di fiducia perché nel momento in cui decideranno di prendere l’incarico, investiranno su di te e per loro.

Il vostro lavoro verrà poi visionato da un editor che correggerà le imperfezioni e lo migliorerà. Inoltre, dovrete stabilire insieme il costo del libro (che ne determina quindi anche il valore) e la vostra percentuale sulle vendite (che arriveranno dopo che la casa editrice avrà coperto i suoi costi per la stampa e la pubblicità/promozione). Il vantaggio sta nell’avere la soddisfazione di una nota casa editrice sulla copertina del vostro libro e nelle librerie; dall’altro lato della medaglia però abbiamo il fatto che i diritti della tua creazione andranno in mano all’editore e non avrai controllo sulla campagna di marketing e sulle vendite. Non potrai neanche regalarlo.

Insomma, tutto ciò non è impossibile ma richiede una certa capacità decisionale a seconda degli obiettivi che si vogliono conseguire. Tuttavia, per i più neofiti esistono guide molto dettagliate sul come pubblicare un libro che possono accompagnare l’utente verso scelte ponderate e prive di ogni dubbio. In ogni caso, qualsiasi cosa si decida di fare, vi accorgerete che il vantaggio in assoluto – indipendentemente del modus operandi – è la soddisfazione di aver dato concretezza a un vostro sogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Back to top button
Close
Close