[Esclusiva] BAOtique – Day 15: Glyn Dillon

Al centro Glyn Dillon, a destra Martina, io a sinistra.

Al centro Glyn Dillon, a destra Martina Moretti, io a sinistra. – Un ringraziamento speciale a Franzi Gastoldi per la foto –

Eccoci come promesso pronti col resoconto dell’evento tenutosi alla BAO Boutique Brera, ormai meta fissa di queste settimane, in occasione dell’incontro con Glyn Dillon e del suo Il Nao di Brown (di cui vi abbiamo parlato qui – click).

Dillon VetrinaPrimo ospite internazionale da quando la BAOtique ha aperto i battenti, quindi presagendo la ressa arriviamo con largo anticipo, segniamo il nostro nome sulla lista per portare a casa la dedica sul libro e aspettiamo trepidanti l’arrivo dell’autore. Alle 18 in punto, in perfetto stile british, inizia la presentazione, con il negozio tanto pieno da pensare alla possibilità di far sparire il tavolino centrale, per guadagnare spazio, così come fu per il Zerocalcare day.
Al posto di comando anche oggi c’è la bravissima Caterina Marietti, nel doppio ruolo di presentatrice-traduttrice. Non si perde tempo e si dà il via alle danze.

Caterina a destra, Glyn a sinistra.

Caterina a destra, Glyn a sinistra.

Caterina, dopo aver brevemente presentato Dillon, inizia l’intervista. Non tardano ad arrivare anche i contributi dai presenti, le domande incalzano e per un’ora abbondante il disponibile autore non si tira indietro e sviscera tutti i retroscena sulla realizzazione del volume e le curiosità sui suoi inizi di carriera.

Noi eravamo, naturalmente, in prima fila e abbiamo ripreso i punti più salienti dell’incontro (che potete trovare in fondo all’articolo).

La prima versione della copertina del volume.

La prima versione della copertina del volume.

Glyn si racconta e non si risparmia: dalla lunga gestazione e lavorazione del libro, si parla di circa quattro anni, all’aneddoto sulla copertina. Pare infatti che in origine la cover del volume non fosse quella attuale e che Dillon, su pressioni dell’editore francese, abbia dovuto reinventarla da zero nel giro di due giorni. BAO ringrazia e onestamente anche noi. Il volume ha poi avuto un enorme successo: molte sono state le persone che hanno scritto all’autore per ringraziarlo. Una dimostrazione di come il suo lavoro abbia avuto un impatto sulle loro vite (specie coloro che soffrono di “disturbi ossessivi-compulsivi” come la protagonista del libro). Ed è lui stesso a rivelare che il complimento più grande è stato il gesto di un lettore che, presa carta e penna, ha scritto a mano una lettera di ringraziamento come ormai, in un’epoca in cui le mail e la messaggistica digitale sono all’ordine del giorno, è raro fare. Un pensiero, una cura e un’attenzione che hanno decisamente commosso Glyn.

Il bellissimo acquerello con dedica al sottoscritto by Glyn Dillon

Il bellissimo acquerello con dedica al sottoscritto by Glyn Dillon

Al termine della presentazione Dillon inizia a lavorare alle dediche sui volumi e abbiamo il tempo di fare due chiacchiere con le diverse facce amiche presenti. Quello che personalmente amo di questi eventi è vedere come siano accentratori di realtà collaterali davvero degne di nota. Ed è così che ho il piacere di scambiare due chiacchiere con Tommaso di Flying Kids Records, piccola ma buonissima etichetta discografica, che ha appena dato alle stampe un bellissimo volume su vent’anni di musica alternativa americana e di cui Zerocalcare ha realizzato la copertina. Volume la cui prima tiratura è andata esaurita in pochissimo tempo e che, se amate le cose belle, potete andare a scoprire qui.

Si chiude quindi alla grande anche questa seconda settimana di eventi alla Bao Boutique. L’appuntamento è per la prossima, con C4 Comic in prima linea per cercare di far rivivere, anche a chi non ha potuto presenziare, le emozioni che si respirano.

Marcello Bertonazzi

Newser e recensore milanese. Ha passato due terzi della sua esistenza a drogarsi di fumetti, libri e a collezionare dischi. Entra ed esce in continuazione dal tunnel delle serie tv. Pare purtroppo non ci sia più niente da fare. Felicemente irrecuperabile.

Potrebbero interessarti anche...

1 Risposta

  1. 1 agosto 2014

    […] i nomi caldi del fumetto italiano ed internazionale (Billotta&Martinello, Zerocalcare, Glyn Dillon e molti altri, di cui potete recuperare un resoconti tra le pagine del sito) e dopo avere […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.