Orfani, parlano gli autori: La conferenza stampa di Mantova

Mantova 2014 (61)ORIGINI FORMATO BONELLI – Come anticipato in questa breaking news riguardo il futuro di Orfani, la conferenza stampa tenuta ieri al Mantova Comics & Games dal team che sta dietro alla serie Bonelli è stata ben più che  una mera apparizione in pubblico. Di fronte ad una sala conferenze gremita, Roberto Recchioni, Emiliano Mammucari, Gigi Cavenago e Franco Busatta sono apparsi molto affiatati, spiegando ai presenti quali sono i retroscena dietro la produzione dell’opera, raccontando divertenti aneddoti e mettendosi a completa disposizione per domande e firme.

Il progetto

Il progetto, ci ricorda Recchioni, nasce come un incrocio tra il tipico fumetto popolare in tradizione Bonelli e novità significative quali l’uso del colore, la grafica, la fortissima continuity e la separazione dei piani temporali sui quali si svolge la storia. Una peculiarità dell’opera, in netta rottura con la tradizione bonelliana, è ad esempio il tempo di lettura “notevolmente più basso rispetto ad esempio a Dylan Dog, già sperimentato in John Doe”. L’obiettivo del RRobe in tal senso era proprio una lettura rapida, l’eliminazione dei famosi spiegoni, pensata per un primo approccio molto veloce che possa eventualmente sfociare in una rilettura cronologica dove tutti gli elementi saranno spiegati. Questa potrà consentire di cogliere dettagli apparentemente minimali ma in realtà rilevanti che ci erano sfuggiti durante la prima lettura, vari inside joke nascosti nel testo”. Questa riuscirà a fornire un quadro davvero completo dell’opera, che va completandosi di volume in volume aggiungendo ogni volta un nuovo livello alla storia. Insomma, ipse dixit, “C’è motivo per cui uno se ne va in giro con un fazzoletto davanti alla bocca. Così come c’è un motivo per cui sono in 5 e c’è una ragione per la quale gli alieni non hanno attaccato una seconda volta”.
Anche dal punto di vista dei disegni, ci spiega Mammucari, c’è stata una rivoluzione. Questa è consistita nella Eliminazione dei cliché che si sono negli anni stratificati nel fumetto italiano, andando a cercare nuovi lettori con una serie ambiziosa e complessa. Far assorbire il colore a quel tipo di carta inizialmente si è rivelato molto problematico, noi ne abbiamo fatto uno stile.

Lavoro di squadra

Nel corso della conferenza viene dedicata particolare attenzione al complesso lavoro di squadra che sta dietro ad ogni volume, il quale porta inevitabilmente a divergenze di vedute tra i vari autori, ad una “tensione dinamica” (Mammucari), una “tensione non negativa” (Recchioni), che spinge tutti a dare il meglio di sé e porta infine e alla necessità di trovare un punto di conciliazione tra le diverse posizioni. Insomma, ci confessa Mammuccari, “devi abituarti al caos”.
L’evoluzione del disegno, come sottolinea Gigi Cavenago, “È guidata dall’opera stessa. Io, ad esempio, vengo da Cassidy, nettamente diverso. Ho dovuto gettare non poche tavole nel tentativo di riuscire a conferire il giusto dinamismo alle scene, alzando e abbassando l’inquadratura in modo continuamente diverso a seconda delle esigenze”.

Formato Bonelli ed edizione Bao

Ma perchè, si chiedono in molti – e viene chiesto in conferenza – pubblicare un’opera del genere in un formato Bonelli?
“Perché 50 anni di storia hanno insegnato che il formato Bonelli funziona”, ricorda Mammucari. E “Perché il formato Bonelli fa parte della nostra cultura. Andreste mai a chiedere agli americani perchè stampano in 17×26?”.

Infine, una postilla di Recchioni riguardante l’edizione cartonata  Bao Publishing in uscita: “Poniamo una cura enorme in albi di 94 pagine che dopo 30 giorni muoiono e non hanno più vendibilità. Orfani è stato pensato sin dall’origine per evitare che questo accadesse. L’edizione Bao, appositamente pensata per le librerie, verrà letta probabilmente da moltissimi non-lettori di Orfani. È quello che è già accaduto con Mater Morbi e che sarebbe bello accadesse con capolavori come Memoria dell’invisibile di Sclavi”.

Al termine di una conferenza del genere noi appassionati non possiamo che considerarci appagati, lasciandoci con l’unico rammarico che… Sia finita.

Per le foto vi rimandiamo alla sezione apposita del sito, in questa pagina. Di seguito vi proponiamo il video della conferenza.

Nicholas Venè

Leggo, scrivo, gioco, guardo, commento. Osservo e prendo appunti, provando a fare cose.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. 1 maggio 2014

    […] che aspettare notizie a riguardo. Alcune indiscrezioni rivelate al Mantova Comics puoi leggerle qui. Di seguito potete ammirare le due tavole di cui […]

  2. 29 settembre 2015

    […] avuto l’opportunità di conoscere diversi autori ed editori e assistere ad alcune importanti conferenze stampa. Soprattutto, però, Pavesio Editore ci ha concesso di intervistare il disponibilissimo Marco […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.